Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
enricabonaccorti.overblog.com

Stimoli e ugole

30 Marzo 2013 , Scritto da enrica bonaccorti

Si potrebbe scrivere un saggio sulla società contemporanea con le parole delle canzoni di Jannacci, quelle recenti come quelle di mezzo secolo fa, perché lui ha sempre visto, ha sempre capito, ha sempre raccontato la realtà più invisibile. I suoi protagonisti erano il barbone, il palo della banda, il disoccupato, Vincenzina era davanti alla fabbrica già quarantanni fa.. Cantava gli ultimi, ci costringeva a voltare la testa verso di loro, li illuminava e squarciava l’indifferenza. Chissà se papa Fra conosce le parole delle sue canzoni, ma le amerebbe sicuramente, le ruberebbe per le omelie, le canterebbe forse. Perché Enzo era ateo come un santo che non va in chiesa, un cavallo che rompeva ogni passo, che rideva in faccia al traguardo, che dentro la coppa chissà cosa ci metteva. Il dottor jannacci se ne intendeva di cuore, da Barnard a Little Tony  sapeva usare bisturi e microfono, ma niente miele. Caso mai il fiele che costringe a tirar fuori l’antivirus dell’intelligenza. Senza sofferenza però, sempre con il sorriso più bello del mondo, che lo faceva bello anche quand’era brutto, che accendeva quella pelle d’alabastro. Jannacci ci contagiava, ci divertiva, cantavamo con lui, poi, alla fine della canzone, pensavamo. Perché sotto le nuvole del Messico o fra le gabbie di uno zoo comunale, ci lanciava gli stimoli che danno ritmo al pensiero. E noi abbiamo bisogno di stimoli, non di ugole. Grazie Enzo, e un abbraccio a Paolo, che a un pezzo unico come te ha rubato tutti i cromosomi che poteva, forse più di 23, per quanto i vostri occhi si incontravano sul palco e in casa, nella musica e nella vita. Grazie Enzo, sei stato un regalo.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post

Vale 03/30/2013 22:09

Di altra generazione rispetto alla mia, l'ho sempre percepito come un "non cantante" non di certo perché non fosse bravo ma perché mi dava quella sensazione di volerci essere e di non volerci essere in quel ruolo. Si quel sorriso così aperto da risultare disarmante, gli illuminava il viso e la mente. Quello "zoo comunale", è tra quei ricordi di bambina che custidisco gelosamente nelle tante pieghe dell'infanzia.

Vale 04/04/2013 01:30

Condivido. Le chiavi sono tutte uguali ma solo una apre quella porta.
Notte.

Enrica 04/04/2013 01:20

Una bambina e una donna sensibile mi sembra.. Quel tuo "volerci essere e non volerci essere" è una bella intuizione! comunque, cantante o non cantante, lui non era solo originale, era l'origine. Non si può rimpiazzare.