Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
enricabonaccorti.overblog.com

Il Capo e il Popolo

14 Marzo 2013 , Scritto da enrica bonaccorti

ancora dal mio diario privato, ma decisamente attuale:

Oltre quindici anni fa, nel mio ‘Francobollo’ sull’inserto del Corriere, mi affiancavo alla preoccupazione dell’allora ministro dell’Interno Giorgio Napolitano, unica voce inquieta in mezzo a tanta ironia, per l’escalation di un giovane partitino del Nord. Scrivevo che “nel nostro Paese i prodromi folkloristici sono sempre stati sottovalutati, e hanno portato a epiloghi che con il folklore non c’entravano niente” e mi chiedevo: “Ma la politica è miope? Forse addirittura presbite, se non riesce a dare contorni precisi a quello che ha sotto gli occhi”. Oggi, con le dovute differenze, mi faccio la stessa domanda.  Ma non per il programma del nuovo polo d’attrazione che ora brilla a 5 stelle, ben distante da sacre ampolle e cravatte verdi. E’ piuttosto sul nostro atteggiamento che vorrei fare una riflessione: mi sembra che una volta di più si delinei la nostra pericolosa propensione a seguire chi fa la voce più grossa, contro tutti e tutto senza distinzioni. Ciclicamente si presenta a un balcone qualunque, che si chiami piazza, studio Tv o schermo del pc, un uomo del destino, un capopopolo che urla la rabbia di tutti contro il potere, qualunque esso sia. E dato che le ragioni non mancano mai, basta cogliere il momento giusto, salire sul podio di più alta visibilità, e il capo troverà il suo popolo. Quale momento più giusto di questo, quale podio più illuminato del web, che Grillo sa usare come nessuno dei suoi nuovi colleghi? Dunque, se negli inevitabili periodi di crisi che ogni nazione attraversa, basta dare voce, anzi urlo, al popolo, dobbiamo soltanto sperare di avere la fortuna che il prossimo capopopolo sia meglio di tutti i suoi predecessori. Qualcuno ha detto che la differenza tra la vera democrazia e la democrazia popolare è la stessa differenza che passa tra una camicia e una camicia di forza, e Pascal affermava che “non essendosi potuto fare in modo che quel che è giusto fosse forte, si è fatto in modo che quel che è forte fosse giusto”.  In ogni caso la parola popolo conviene a tutti, riempie bene la bocca, ancora di più se gli metti una corona in testa e lo fai diventare sovrano. Il famoso popolo sovrano...

 

enrica bonaccorti  23-4-2012

 

Condividi post

Repost 0

Commenta il post

silvio pellico ai piombi 03/24/2013 19:59

Aspen Institute Italia, think tank tecnocratico, diretta emanazione del gruppo Bilderberg.

ATTENZIONE AL FALSO NUOVO:

Romano Prodi siede nell’Aspen Institute insieme al più potente socio fondatore della Casaleggio Associati, proprietaria del sito, del blog, del simbolo e del nome del partito di Grillo:

Enrico Sassoon, primo e più importante socio della Casaleggio, siede fianco a fianco con certi personaggi. Che poi sono gli stessi componenti dell’Aspen Institute Italia, think tank tecnocratico, diretta emanazione del gruppo Bilderberg. Quando il Sistema si organizza è capace di tutto: persino di creare un Comitato Esecutivo Aspen formato – oltre che da Enrico Sassoon della Casaleggio – anche da Mario Monti, John Elkann, Romano Prodi, Giulio Tremonti, tutti componenti italiani del Bilderberg.

Ora: come diavolo è possibile che la Casaleggio, a detta di molti spin doctor e influencer di Grillo e del Movimento 5 Stelle, abbia il suo membro più importante all’interno di un Istituto popolato da quelli che dovrebbero in realtà essere i nemici dichiarati proprio di Grillo? Qual è la ragione per cui questo accade?

Per rendere bene l’idea di quanto esteso sia questo cartello basta leggere i nomi di alcuni dei gruppi presenti in Amcham unitamente ad Aspen: Standard & Poor's, Philip Morris, IBM, Microsoft, ENI, Enel, Intesa San Paolo, Sisal, Rcs Editori, Esso, Bank of America, Coca Cola, Fiat, Fincantieri, Finmeccanica, Italcementi, Jp Morgan, Pfizer, Rai, Sky, Unicredit, Merrill Lynch, Basf, BNP Paribas, CIR, Credit Suisse, Deutsche Bank, GDF Suez, Glaxo SmithKline, Google, Gruppo Marcegaglia, H3G, Impregilo, Italcementi, Mediaset, Pfizer, Farmindustria, Poste Italiane, Rcs, Sanofi-Aventis, Shell, Sisal, Sky, Siemens, Telecom, The Royal Bank of Scotland.

Enrico Sassoon si è accomodato fianco a fianco con gli stessi componenti dell’Aspen Institute Italia, think tank tecnocratico, diretta emanazione del famigerato Club Bilderberg. In un Comitato Esecutivo Aspen abbiamo scovato - oltre che Sassoon della Casaleggio - anche Mario Monti, John Elkann, Romano Prodi, Giulio Tremonti, tutti componenti italiani del Bilderberg Group. Nell’Aspen figura anche Lucia Annunziata, Fedele Confalonieri e Giuliano Amato (aspirante presidente della Repubblica).

http://www.infiltrato.it/inchieste/italia/casaleggio-connection-chi-controlla-il-controllore-di-grillo-un-sassoon-nella-rete-di-bilderberg

Roberto 03/17/2013 20:48

Cara Enrica, dici bene quando esprimi la speranza che il prossimo "capopopolo" sia meglio dei precedenti e non sarà difficile che la tua speranza si realizzi, perché peggio dei precedenti sarebbe impensabile.
Ma vorrei proporti ora un'altra piccola riflessione, a corollario della tua.
Il vero pericolo è la nostra propensione a seguire chi fa la voce più grossa o la nostra ottusità che non ci permette di capire che la voce più pericolosa non è la più grossa, ma quella silenziosa e subdola di chi complotta nella penombra delle stanze del potere e baratta i nostri consensi in cambio del proprio interesse ?
Grazie per i tuoi spunti di riflessione.
Roberto.

Domenico Galletta 03/15/2013 14:54

I "capopopolo" nascono quando la dirigenza lascia nascere e sviluppare la disperazione sociale trastullandosi in bizzantinismi nel suo personalissimo paese dei balocchi.

eva carriego 03/15/2013 12:05

cambia template, ti leggerò volentieri, il nero è terribile

ebì 03/16/2013 02:21

fatto!

Pas 03/15/2013 09:01

...