Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
enricabonaccorti.overblog.com

Siamo senza parole e senza conoscenze. Siamo senza.

4 Maggio 2017 , Scritto da enrica bonaccorti

Siamo senza parole e senza conoscenze. Siamo senza.

Ho appena visto "Le parole" il programma che Massimo Gramellini conduce su Raitre il sabato sera. L'avevo registrato, e così non mi sono persa quel breve e disgustoso servizio sulle conoscenze di base della nostra gioventù. Il disgusto lo provocano le loro risposte: Leonardo dipinge la Gioconda nel 20' secolo, l'unità d'Italia verso il 1980/85, in altre inchieste ho sentito collocare Hitler negli anni '70 o attribuire "I promessi sposi" a Dante. E Leonardo da Vinci dov'è nato? Non ce n'è stato uno che abbia risposto Vinci! Per molti era Milano, o Toscana, Ravenna.. e persino Bollate! Forse c'è una via Leonardo da Vinci ed è bastato per dargli i natali? Sì, ci può far ridere, ci può far sentire superiori, ma spero ci faccia sentire soprattutto disperati! Senza parlare dell'incapacità di esprimersi, della miseria lessicale, della ripetizione di frasi fatte... È a loro, a questa vasta generazione che a breve sarà affidata la crescita, lo stile, la gestione del nostro Paese. Con queste e altre premesse, se guardo al futuro.. preferisco chiudere gli occhi.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post

Anna 05/07/2017 10:10

"Sarà affidata la nostra crescita..." Ma lo è già purtroppo, signora enrica hä mai sentit parlare razzi und co.? Ma lo sa che perfino io che mi ritengo un ignorantona quando lo sento parlare (non solo lui!) mi vergogno e mi sento un "einstein"....

enrica bonaccorti 05/07/2017 14:15

Carissima Anna, sai che posso ricopiare pari pari la tua frase sull'ignorantona? Ti passo la frase giusta: Se mi giudico mi preoccupo, se mi confronto mi tranquillizzo... comunque io sono disperata per il presente che vedo e per il futuro che non vedrò... quanto all'iperbole, a questo punto è diventata una speranza. Ti abbraccio

mariano capra 05/04/2017 08:40

Per non parlare di quella ragazza che, a domanda: "il 25 Aprile di chi ci siamo stati liberati?, risponde: "degli Ebrei". Sarà anche colpa della mia generazione, per carità, sta di fatto che, se devo pensare ad uno di costoro come Presidente del Consiglio, persino Renzi mi sembra tollerabile (è un iperbole, non prendete questa affermazione alla lettera, eh?)